Nella natura selvaggia: trasporto di un bufalo africano

Lavorare come trasportatore di animali nelle riserve naturali del Sud Africa non richiede solo una straordinaria capacità di guida, ma anche molto coraggio.

Elicottero e camion.

L'elicottero aiuta a individuare il bufalo mentre il team di veterinari a terra segue la pista sul camion.

Kees Lawrence.

Kees Lawrence, a capo del team incaricato della cattura degli animali selvatici, si prepara a praticare a un bufalo un'iniezione di vitamina B.

Le rondini volano in circolo per poi tuffarsi in picchiata nella savana sudafricana. Una fresca brezza fa vibrare dolcemente il paesaggio pianeggiante. Sono appena passate le 6 del mattino e, a breve, sorgerà il sole. Improvvisamente, il canto degli uccelli è soffocato dal rombo di un motore diesel.

In una nuvola di polvere rossa, un Volvo FM color sabbia romba verso un gruppo di persone con pick-up che si sono raccolte davanti ai cancelli della Koppies Dam Nature Reserve, 150 chilometri a sud ovest di Johannesburg. È il primo giorno della stagione. Oggi, il team incaricato della cattura degli animali selvatici si accinge a catturare e spostare il bufalo africano, uno dei 'Big Five', un termine coniato dai cacciatori per descrivere gli animali più difficili e pericolosi da seguire e cacciare in Africa.

"Spesso lavoriamo con i bufali, ma ciò comporta sempre un rischio. Il bufalo è un animale potente e, quando attacca, lo fa per vendicarsi. Se ti prende, è finita. Ti ucciderà", dice Petrus Motsoane, conducente e responsabile del team del trattore stradale Volvo utilizzato per trasportare questi animali aggressivi.

La cattura e il trasporto di animali selvatici è un'operazione importante in molte riserve naturali del Sud Africa. Viene svolta soprattutto per mantenere un equilibrio tra differenti specie animali nelle riserve, ma anche per evitare incroci.

Il bufalo è un animale potente e, quando attacca, lo fa per vendicarsi.

Petrus Motsoane

autista e responsabile del team

Bufalo dall'alto.

Il trasporto di animali viene effettuato per mantenere un equilibrio nelle riserve, ma anche per evitare incroci.

Le catture avvengono durante la stagione invernale tra marzo e ottobre, nel periodo più freddo. Il team cattura e trasporta diverse specie differenti di animali selvatici, da zebre e rinoceronti a bufali e leoni. 

Le riserve naturali nella Provincia di Free State in Sud Africa sono il luogo di lavoro di Petrus Motsoane da più di 20 anni. Con precisione chirurgica manovra il veicolo di 24 tonnellate di peso e 22 metri di lunghezza attraverso la savana, verso la mandria di animali che sta per essere spostata. Il lavoro impone requisiti rigorosi sia per il veicolo sia per il conducente.

"Guidare attraverso la savana è molto faticoso. Ti senti come se avessi le costole rotte. Tuttavia, io ho guidato questo veicolo per 10 anni e non ho mai avuto alcun problema. È sufficientemente forte e resistente per fare tutto ciò che serve", dichiara Petrus.

Il team incaricato della cattura degli animali selvatici nel Free State è costituito da 25 persone, più un veterinario e un pilota di elicotteri. L'elicottero cerca e stana il bufalo allo scoperto per consentire al veterinario di sparargli dall'alto un dardo tranquillante. 

Una volta che il bufalo è stato stordito, il team a terra guida issa l'animale, che pesa più di una tonnellata, sul retro del pick-up Il bufalo viene quindi trasportato fino al camion Volvo di Petrus dove un veicolo con gru solleva l'animale addormentato sul rimorchio e dove verrà somministrato all'animale un farmaco per risvegliarlo.

Petrus Motsoane.

Petrus Motsoane lavora nelle riserve naturali nella Provincia di Free State da più di 20 anni.

"Quando il bufalo si sveglia, diventa aggressivo, ma, a quel punto, siamo già usciti e abbiamo chiuso lo sportello. Se si sveglia prima di aver avuto la possibilità di lasciare il rimorchio, devi essere veloce come un fulmine prima che ti prenda", racconta Petrus.

Ride e il dente d'oro sulla sua arcata inferiore e l'anello all'orecchio sinistro luccicano quando racconta la storia di una zebra stordita che si svegliò nel bel mezzo di una procedura di carico e corse via attraverso la savana con una benda sugli occhi.

Tre struzzi con le piume della coda che ondeggiano trottano tra l'erba alta alla destra del veicolo e il rumore metallico proveniente dall'elicottero fa scappare via terrorizzata una famiglia di due rinoceronti con un cucciolo. Il camion sobbalza, su erba e cespugli e poi giù in un burrone e attraverso un ponte, così stretto che sembra un miracolo che la carovana di veicoli riesca ad attraversarlo. La faccia di Petrus è concentratissima.

"Quando guido su terreno accidentato, il veicolo produce rumori completamente diversi rispetto a quando guido su una strada normale. Devo guidare molto, ma molto lentamente fino a quando il percorso non torna sicuro. Guai se non osservo attentamente la strada per evitare pietre o altri ostacoli. Ma non riesco a vedere tutto, così, a volte, devo correre dei rischi".

Bufalo catturato.

Ogni bufalo catturato viene testato per varie malattie, contrassegnato con un microchip e gli viene somministrata della vitamina B per rafforzarne il sistema immunitario.

 

La giornata inizia male. I primi due bufali immobilizzati dal veterinario scappano via in direzione di un boschetto e giù per una scarpata. Pericolosamente vicino al fiume. I pick-up si bloccano tra gli alti cespugli che conducono alla macchia e non sono in grado di scendere nella zona paludosa, dove uno dei bufali si è addormentato. Gli alberi rendono difficile per l'elicottero il tentativo di scacciare altri bufali, che potrebbero trovarsi nelle vicinanze e attaccare.

Vengono chiamati i rinforzi, poi tutto avviene molto rapidamente: il bufalo viene caricato su una barella verde e issato con un verricello su per il pendio verso la jeep, dove dieci persone sollevano l'animale addormentato sul retro del pick-up, a mani nude.

Bufalo bendato.

Dopo che il bufalo è stato stordito dal dardo tranquillante, il team deve issare rapidamente l'animale sul rimorchio.

Oltre a guidare il camion, in qualità di responsabile, Petrus ha anche il compito di monitorare il lavoro sugli animali e dare una mano nel caricarli sul rimorchio. Il rimorchio è diviso in cinque scomparti con portelli in acciaio che possono essere aperti e chiusi dall'esterno. Al massimo, il veicolo è in grado di trasportare fino a 15 bufali, a seconda delle dimensioni.

"Ai bufali non piace stare da soli. Ciò li fa impazzire e finiscono per ferirsi. Pertanto, in uno scomparto, viaggiano sempre due o tre soggetti", spiega Kees Lawrence, a capo del team incaricato della cattura degli animali selvatici, mentre misura la corretta dose di vitamina B per la bufala di quattro anni che il team di terra ha appena portato al veicolo.

Ogni bufalo catturato viene testato per varie malattie, contrassegnato con un microchip e gli viene somministrata della vitamina B per rafforzarne il sistema immunitario. Mentre Kees fa un'iniezione alla bufala addormentata, tra il trattore-rimorchio Volvo e il veicolo con gru si forma una fila di bufali con bende bianche sugli occhi e ovatta nelle orecchie. Le bende e l'ovatta li aiutano a rimanere calmi.

Quando dico ad altri autisti cosa sto trasportando, mi sento dire 'Un giorno, quegli animali ti uccideranno'. Ma faccio questo lavoro da più di 20 anni e sono ancora vivo.

Petrus Motsoane

autista e responsabile del team

Il lavoro di prelievo del sangue, trasferimento e risveglio dei bufali coinvolti nel trasporto di animali procede rapidamente. Utilizzando una lunga sbarra di ferro, Petrus apre i portelli tra gli scomparti. Quattordici animali affollano rapidamente il rimorchio. I bufali non sono felici di ritrovarsi improvvisamente chiusi in una piccola scatola di metallo. 

"Si calmeranno appena inizierò a guidare", dichiara Petrus, arrampicandosi nella cabina di guida. 

Il veicolo torna indietro, attraverso la riserva, verso la recinzione in cui verranno messi in quarantena i bufali prima di essere venduti all'asta ad altre riserve naturali. Il carico di oggi vale più di 2,2 milioni di rand, circa 170.000 Euro. Una volta venduti, Petrus Motsoane trasporterà gli animali alle loro nuove case.

"La parte migliore del lavoro è guidare il mio veicolo su strada. Quando dico ad altri autisti cosa sto trasportando, mi sento dire 'Un giorno, quegli animali ti uccideranno'. Ma faccio questo lavoro da più di 20 anni e sono ancora vivo”.

Volvo FM nella riserva naturale.

Il veicolo

Volvo FM dal 2003 con un motore diesel da 13 litri con 380 hp e un rimorchio sudafricano di proprietà della SA Trucks. Il trattore-rimorchio è lungo 22 metri e pesa 24 tonnellate. Il veicolo viene utilizzato tutti i giorni durante la stagione della cattura, tra marzo e ottobre, per trasportare animali selvatici attraverso la savana e su strade normali.

Contenuti correlati

Terreno sottratto al mare

La maggiore città della Nigeria sta via via cambiando forma. Iniziato come piano per proteggere dall'erosione, il litorale della città di Lagos, Eko Atlantic, è diventato il più grande progetto edilizio d'Africa: un'area in costruzione su terreno ...

Sopravvivere su una delle strade più pericolose al mondo

Sono prudenza, capacità ed esperienza ad aver tenuto in vita Juan Manuel Manrique, in 45 anni di guida, su una della strade più pericolose al mondo. Benvenuti a Paso de los Caracoles, Cile....

Estrazione di sale da un'immensa distesa bianca in Bolivia

La luce è impietosa e l'aria rarefatta. La salina più vasta del mondo mette a dura prova uomini e veicoli. Questo è il luogo in cui l'autista Dario Machaca Colque lavora da più di 30 anni....

Filtro articoli

5 true 5