Un autotreno da 175 tonnellate nell'outback australiano

Nell'outback australiano, una nonna di 52 anni siede al volante di un autotreno Volvo FH 16 a tre assi da 175 tonnellate. Alle sue spalle si snodano quattro rimorchi e davanti a lei si stende una lunga e calda giornata di viaggio. Figlia e vedova di camionisti, Maxine Taylor non cambierebbe lavoro per niente al mondo.

In questo episodio di Il mondo degli autisti, scoprite cosa significa guidare un autotreno da 175 tonnellate attraverso l'outback australiano.

Maxine Taylor, autista di mezzi pesanti.

Maxine Taylor, nonna e autista di veicoli pesanti, segue le orme del padre e del defunto marito.

Il camion di Maxine Taylor lascia dietro di sé una grande nuvola di polvere rossa. Il veicolo sfreccia sulla strada a 90 chilometri l'ora dirigendosi verso la sconfinata linea dell'orizzonte, che brilla lontana nell'afoso calore australiano. Questo è l'outback.

Fuori ci sono 48 gradi Celsius, ma potrebbe essere molto peggio. Nell'outback le temperature possono raggiungere quasi 60 °C.

“Bisogna bere molta acqua, perché qui ci si disidrata davvero rapidamente”, spiega. “Il calore ti avvolge ed è impossibile sopravvivere senza aria condizionata”.

Questa nonna di 52 anni si trova a centinaia di chilometri dal primo centro abitato in qualsiasi direzione. Ed è sola. Qui non ci sono segni di vita, a eccezione di qualche mucca, cammello o dingo che attraversa la strada o di un veicolo di un'altra azienda proveniente dalla direzione opposta. 

Bisogna bere molta acqua, perché qui ci si disidrata davvero rapidamente.

Maxine Taylor

autista di mezzi pesanti

Allora alza al massimo il volume dello stereo e canta insieme alla leggenda della musica rock australiana Jimmy Barnes. Sostiene che così mantiene l'adrenalina in circolo o forse le impedisce di pensare all'uomo che dovrebbe trovarsi al suo fianco, alla guida di un camion nel polveroso outback.

“Mio marito mi ha introdotta alla guida di autotreni dopo essersi ammalato”, ricorda. “Questo ha permesso a noi di trascorrere insieme i suoi ultimi anni di vita e a me di trovare un mezzo di sostentamento finanziario”.

Prima della morte del marito di Maxine, avvenuta due anni fa, la coppia ha lavorato per tre anni per la stessa azienda nella medesima squadra e ha vissuto insieme sulla strada, unita ogni notte.

“È un ricordo che non mi abbandona mai. Penso a lui ogni giorno e continuo a guidare per lui, anche se non è più con noi”.

Maxine è partita da Woodie Woodie, nella remota regione di Pilbara, nell'Australia occidentale, ed è diretta verso la città costiera di Port Hedland. Si tratta di un viaggio di 800 chilometri andata e ritorno che Maxine compie quotidianamente (con un giorno libero ogni sei turni) per otto settimane, alle quali seguono due settimane di pausa da trascorrere a casa a Brisbane, a 5.000 km di distanza sulla costa orientale dell'Australia. Durante il viaggio verso l'interno, i quattro enormi rimorchi sono vuoti, mentre nel tragitto verso il porto sono carichi di manganese, una roccia metallica nera simile al carbone, utilizzata come lega per produrre acciaio inossidabile.

 

Guida nel deserto all'imbrunire.

In genere, un viaggio andata e ritorno dura tra le 12 e le 13 ore, ma può arrivare anche a 17 se uno pneumatico si fora, se si verifica un guasto o se le condizioni della strada non sono ottimali.

Maxine esegue i controlli preliminari sul camion.

Maxine ama il cameratismo e il senso di comunità che avvicina tutti gli autisti di mezzi pesanti della regione.

Le giornate sono lunghe. In genere, un viaggio andata e ritorno dura tra le 12 e le 13 ore, ma può arrivare anche a 17 se uno pneumatico si fora, se si verifica un guasto o se le condizioni della strada non sono ottimali. Durante la stagione delle piogge, è possibile rimanere bloccati qui per giorni, in attesa che l'acqua defluisca dagli scolmatori.

Il lavoro alla miniera è suddiviso in turni a rotazione, quindi non appena Maxine arriva alla base e completa le operazioni di scarico, un altro autista prende il suo posto e ripete l'intero viaggio. Al ritorno del collega, dopo 12 o 13 ore, Maxine si rimette al volante, avvia la riproduzione del suo album preferito di Jimmy Barnes e riparte.

Non sono molte le donne che lavorano in questo settore e Maxine ammette di averne individuata solo un'altra che guida autotreni. Quando le chiedono della sua professione, molti non credono che sia un'autista, soprattutto se sono persone che la incontrano per la prima volta. “Tutti si stupiscono e affermano che non si direbbe”, dichiara.

E invece Maxine ha sempre voluto guidare camion. Il padre era autista, proprio come il suo ultimo marito, e lei stessa ama guidare. Nonostante sia una donna che opera in un ambiente prettamente maschile, sa che gli uomini la rispettano e viceversa. 

I ragazzi sono fantastici. Spesso mi contattano via radio per sapere come sto. Facciamo tutti così, non è solo perché sono una donna. Ci prendiamo cura gli uni degli altri. Ci frequentiamo da tanto e ormai siamo una famiglia.

Maxine Taylor

autista di mezzi pesanti

Ombre di dingo.

La remota regione di Pilbara, nell'Australia occidentale, dista circa 5.000 km dalla casa di Maxine a Brisbane, sulla costa orientale.

“I ragazzi sono fantastici”, afferma. “Se subisco un arresto o guasto, si fermano e mi chiedono se ho abbastanza acqua e cibo oppure cercano di aiutarmi. Andiamo molto d'accordo e spesso mi contattano via radio per sapere come sto. Facciamo tutti così, non è solo perché sono una donna. Ci prendiamo cura gli uni degli altri. Ci frequentiamo da tanto e ormai siamo una famiglia”.

Maxine e i suoi colleghi organizzano regolarmente un barbecue con qualche drink e tante chiacchiere, risate e scherzi per tenere alto il morale.

“Ci conosciamo tutti, abbiamo ottimi rapporti e andiamo d'accordo. Deve essere così nel nostro ambiente, perché trascorriamo più tempo tra noi che con le nostre famiglie”.

I suoi familiari sono sparsi per l'Australia. La casa di famiglia si trova a Brisbane, dove vivono i tre figli più grandi, mentre gli altri due figli vivono nel Nuovo Galles del Sud. Ha anche due nipotine e, come annuncia con gioia, un nipotino “in arrivo”.

“A volte mi perdo nei miei pensieri”, dichiara. “E la mente vaga. Non vedo spesso la mia famiglia, ma questo non mi turba. Quando ci incontriamo stiamo sempre bene insieme. Credo di essermi ormai abituata”.

Dalla decisione di mantenere la casa, e il relativo mutuo, a Brisbane è dipesa in gran parte la scelta di continuare a guidare camion e, anche se vive lì da 25 anni, negli ultimi tempi la sua vera casa è l'area della miniera riservata ai lavoratori a Port Hedland.

“Dopo otto settimane Brisbane mi manca, ma la casa è sempre vuota e alla fine non vedo l'ora di tornare alla miniera. L'ambiente in cui viviamo è fantastico”.

Nell'outback, gli autisti si affezionano non solo gli uni agli altri, ma anche ai loro grandi autoarticolati Volvo. Per poter trasportare i carichi che l'azienda gestisce, i veicoli devono essere sottoposti a manutenzione almeno una volta la settimana e, per garantirne un'operatività costante, gli autisti devono eseguire ogni giorno, prima della partenza, operazioni di rifornimento e controlli.

Sguardo sull'autostrada nel deserto.

Ed è sola. Qui non ci sono segni di vita, a eccezione di qualche mucca, cammello o dingo che attraversa la strada. e le giornate sono lunghe.

 

“Questi veicoli sono estremamente comodi, tutto funziona alla perfezione e ce ne occupiamo come se fossero nostri. Ogni autista usa sempre lo stesso camion e quindi lo tiene pulito e se ne prende cura. Mi infurio quando l'azienda affida il veicolo a qualcuno che non lo tratta adeguatamente”, sostiene Maxine e aggiunge: “Mio padre aveva un Volvo. Per caso, anche a me è stato assegnato un Volvo e lo sento davvero vicino al mio cuore”.

Nonostante ami il proprio camion e lo stile di vita che questa professione comporta, Maxine sta pensando al futuro che l'attende quando interromperà l'attività di trasporto di manganese nel deserto.

“Mi piacerebbe continuare per altri cinque anni e poi ritirarmi”, dichiara. Non so di preciso cosa farò. Probabilmente trascorrerò più tempo con la mia famiglia nel Nuovo Galles del Sud”.

Tuttavia, per il momento, intende godersi ogni attimo delle sue giornate alla guida, con il volume dello stereo al massimo e qualche risata con “i ragazzi” alla ricetrasmittente.

“Mi piace questa vita”, spiega. “Spero che mio marito sia fiero di tutto ciò che sto facendo. Sono convinta che lo sarebbe”.

Il veicolo

Veicolo: autotreno “Quad”.
Modello: Volvo FH16.
Motore: 700 CV, coppia 3.150 Nm con I-Shift.
Trattore: 10X6 (tandem con tre assi).
Rimorchio: 4 rimorchi - 2 rimorchi “A”, 2 carrelli e un B-double (combinazione da 7 elementi).
Peso: 175 tonnellate (massa totale della combinazione).
Carico utile: più di 113 tonnellate.
Lunghezza: 53,5 metri.
Ruote: 84.
Carburante: capacità fino a 1.840 litri (tra le miniere e Port Hedland non sono quasi presenti stazioni di rifornimento e viaggi superiori agli 800 km sono frequenti).
Caratteristiche: ideato per sopportare temperature e condizioni estreme.

  • Borse del ghiaccio per proteggere gli autisti in caso di imprevisti.
  • Barre di protezione per salvaguardare il veicolo da urti e scontri con animali.
  • Speciali funzionalità di raffreddamento per gestire i componenti più a rischio, quali batterie e differenziali.

Contenuti correlati

Con le sue strade di montagna, il Canada mette alla prova un autista esperto

L'autista Rod Stanley si occupa del trasporto di carichi eccezionali da 18 anni. Nonostante la sua esperienza, il Canada occidentale, con le sue tortuose strade di montagna e i limiti per le ore di guida, lo mette a dura prova. ...

Sopravvivere su una delle strade più pericolose al mondo

Sono prudenza, capacità ed esperienza ad aver tenuto in vita Juan Manuel Manrique, in 45 anni di guida, su una della strade più pericolose al mondo. Benvenuti a Paso de los Caracoles, Cile....

Estrazione di sale da un'immensa distesa bianca in Bolivia

La luce è impietosa e l'aria rarefatta. La salina più vasta del mondo mette a dura prova uomini e veicoli. Questo è il luogo in cui l'autista Dario Machaca Colque lavora da più di 30 anni....

Filtro articoli

5 true 5