Approccio diretto al problema della mancanza di autisti

La mancanza di autisti è attualmente fonte di preoccupazione nel settore dei trasporti pesanti. In Australia, dove il problema è particolarmente sentito, Peter Voorhoeve, Presidente e CEO di Volvo Group Australia, e i suoi colleghi hanno deciso di affrontarlo adottando un approccio diretto.

Peter Voorhoeve.

Il nostro obiettivo è riuscire motivare gli autisti che desiderano lavorare nel settore”, dichiara Peter Voorhoeve.

In che momento Volvo Group Australia ha riscontrato il problema della mancanza di autisti?
“Il problema è stato incombente per diverso tempo. Due anni fa, in occasione della cena in onore del presidente della Victorian Transport Association, ho tenuto un discorso in cui ho sottolineato l'importanza di prendersi più cura dei propri autisti e ho spiegato come il nuovo FH fosse stato progettato tenendo in considerazione proprio gli autisti. Al termine, dal pubblico è nato un applauso spontaneo. Tutti i partecipanti sono rimasti piacevolmente sorpresi nell'udire queste dichiarazioni pronunciate da un costruttore di veicoli pesanti, poiché il loro obiettivo era esattamente attirare nuovi autisti. È stato allora che abbiamo compreso la reale gravità del problema”.

Quali contromisure avete adottato?
“Abbiamo iniziato parlando con i nostri clienti. Il feedback ricevuto dimostrava che l'età media degli autisti professionisti stava aumentando, che l'interesse dei giovani verso questo settore era in calo e che la mancanza di diversità rappresentava un problema. Abbiamo quindi organizzato un sondaggio più approfondito, che ci ha permesso di raccogliere le opinioni di quasi 600 aziende e 35.000 autisti di mezzi pesanti. Consideriamo i nostri clienti come dei partner commerciali e tutto ciò che possiamo fare per risolvere il problema contribuisce a semplificare le loro attività. Tuttavia, in qualità di azienda leader del mercato australiano dei veicoli pesanti, desideriamo ripagare in qualche modo il settore e la società in generale”.

Secondo voi, cosa impedisce ai giovani di prendere in considerazione una carriera come autisti di veicoli pesanti?
“Questo viene percepito come un lavoro poco interessante. In generale, gli autisti di mezzi pesanti e il mondo dei trasporti non sono oggetto di grande considerazione. Anche la mancanza di un'istruzione strutturata o di qualifiche riconosciute a livello nazionale all'interno del settore rappresenta un problema. In realtà, gli autisti oggi devono possedere un elevato livello di professionalità. Sono infatti ambasciatori delle aziende per cui lavorano e con la nostra comunicazione avanzata desideriamo promuovere questa immagine. Qui in Australia, i media di settore specializzati hanno contribuito considerevolmente a trasmettere il nostro messaggio, ma in qualità di produttori leader del mercato, intendiamo sfruttare la nostra posizione per diffonderlo tra un pubblico più vasto”.

Quali iniziative specifiche sono state intraprese?
“Nel 2017, Volvo Group Australia ha avviato la creazione di un'Accademia per gli autisti che fornirà la formazione e l'esperienza necessarie per trasformare i titolari di patenti di guida per veicoli pesanti in autisti professionisti. Il nostro obiettivo è riuscire motivare gli autisti che desiderano lavorare nel settore. Si tratterà di un certificato professionale riconosciuto, che consentirà agli autisti di trovare lavoro. Con l'aiuto della nostra fitta rete di concessionarie, riusciremo a raggiungere tutte le più importanti località australiane”.

Anche l'assenza di donne alla guida di veicoli pesanti rappresenta da tempo un problema. Come incoraggiate le donne a intraprendere questa carriera?
“Siamo estremamente fieri della nostra partnership con l'accademia di guida Pilbara Heavy Haulage Girls, che fornisce alle donne la preparazione richiesta per iniziare a lavorare in questo settore. Sponsorizziamo due veicoli e abbiamo stabilito una collaborazione davvero fattiva. Sono molte le donne che desiderano diventare autisti di camion e che possiedono una patente di guida appropriata, ma non l'esperienza necessaria. Questa iniziativa sta facendo davvero la differenza”.

Mancanza di autisti in Australia in cifre

  • Il 75% delle merci nazionali non sfuse viene trasportato su strada. Si prevede che la richiesta di trasporti su strada raddoppierà entro il 2030.
  • Il 46% delle aziende di trasporti sta già registrando una grave carenza di autisti professionisti.
  • L'88% ritiene che in Australia l'immagine degli autisti di mezzi pesanti sia percepita come negativa.
  • Età media degli autisti di mezzi pesanti in Australia: 47 anni.
  • Solo il 15% degli autisti ha meno di 30 anni.
  • Nelle aziende che hanno partecipato al sondaggio di Volvo Group Australia, solo il 3% degli autisti è formato da donne.

Dati ricavati dal report Professional Truck Driver Shortage di Volvo Group Australia del maggio 2016

Contenuti correlati

Un autotreno da 175 tonnellate nell'outback australiano

Nell'outback australiano, una nonna di 52 anni siede al volante di un autotreno Volvo FH 16 a tre assi da 175 tonnellate. Alle sue spalle si snodano quattro rimorchi e davanti a lei si stende una lunga e calda giornata di viaggio. Figlia e vedova di ...

L'ottenimento della combinazione ideale

Craig Fox, australiano e proprietario di una flotta di camion, attribuisce il proprio successo a due fattori: il trasporto esclusivo di carichi redditizi e di una gamma differenziata di merci....

Competenze al top

Gli autisti con competenze al top rivestono una grande importanza. Per la compagnia di trasporti svedese Jardlers Åkeri, sono fondamentali....

Filtro articoli

5 true 5