La svolta giusta

Il tortuoso passaggio Tizi n'Tichka nella catena montuosa dell'Atlantico in Marocco scatena profonde emozioni in qualsiasi conducente. Il camionista Omar Ait Mbarek conosce questo passaggio come le sue tasche.

Strada Nazionale 9

La Strada Nazionale 9 raggiunge quasi 2300 metri sul livello del mare ed è il più alto passaggio montano dell'Africa settentrionale.

"Potrei farlo tutto in retromarcia," ci dice il conducente 61enne in tono scherzoso. A quasi 2.300 metri sul livello del mare, con il passaggio più alto delle montagne del nord dell'Africa, il tratto di 50 chilometri lungo la Strada Nazionale 9 offre paesaggi mozzafiato di montagne innevate con pendii verdi punteggiati da villaggi pittoreschi. Una dimostrazione autentica del modo di vivere marocchino che è difficile da trovare nelle città e che rappresenta una grande attrazione per i turisti stranieri. Tizi n'Tichka, che significa Passaggio dei pascoli nel linguaggio indigeno Amazigh, è un punto strategico per l'economia del Marocco: collega Marrakesh a Ouarzazate, due città che attraggono milioni di turisti ogni anno e che sono mete di ripresa preferite per i registi di Hollywood e Bollywood. 

Ma i suoi tornanti che si snodano lungo i precipizi pericolosi e poco protetti da un lato e il rischio sempre presente di frane dall'altro, con le grotte stradali e le modalità di guida troppo spesso sconsiderate, spesso possono rendere l'esperienza di guida una questione di vita o di morte. Omar Ait Mbarek ha quindi il diritto di vantarsi, almeno un po': ha passato su questa strada almeno un terzo dei 44 anni per cui ha lavorato nel settore dei trasporti senza neanche un incidente. Come ci è riuscito?

 

Giro di tornante

I tornanti di Tizi n'Tickha e le strade tortuose hanno precipizi scarsamente protetti da un lato e il rischio sempre presente di frane dall'altro.

Omar Ait Mbarek

Omar Ait Mbarek ha guidato camion per 44 anni e, nonostante abbia speso quasi un terzo di quel tempo a guidare attraverso il passaggio di Tizi n'Tickha, non è mai stato coinvolto in un singolo incidente.

"Non accendo mai la radio quando guido su questa strada. Al contrario, tengo le orecchie concentrate sul motore per sapere cosa sta succedendo dentro il mio camion e sulla strada. E bisogna guidare lentamente: non sono mai stato uno di quei camionisti che si affretta a guidare. Ho i miei tempi, dormo quando ho bisogno di dormire anche se ciò significa arrivare con due ore di ritardo", ci dice mentre versa un bicchiere di tè alla menta durante una pausa sulla strada.

Dopo un pasto abbondante costituito da verdure e stufato di carne rossa, Omar Ait Mbarek va a controllare la sua autocisterna Volvo FH che trasporta carburante per motori da Marrakesh all'avamposto del deserto di Zagora, a sud di Ouarzazate. 

I pastori di capre

I villaggi pittoreschi e la possibilità di sperimentare l'autentico modo di vivere marocchino hanno reso la regione che circonda il passo di Tizi n'Tichka una meta ambitissima per i turisti stranieri.

Omar Ait Mbarek lavora dal 1997 per la Societe Transport Marouane et Freres Ltd (STMF), società marocchina specializzata nel trasporto di prodotti infiammabili. È il più vecchio conducente ancora in servizio. "Sarei dovuto andare in pensione l'anno scorso ma non mi hanno lasciato andare! Hanno insistito perché restassi. Sono il loro autista più affidabile e possono formare nuovi reclute", dice.

Omar Ait Mbarek ha iniziato a guidare autocarri nel 1983, ma ha passato i primi 11 anni lavorando come assistente al conducente, esperienza che gli ha permesso di imparare tutti i trucchi del mestiere. Il primo mezzo pesante che ha guidato era un Volvo F88.

"Aveva degli ottimi pneumatici ma i freni si surriscaldavano troppo sulle strade dissestate. Adesso, il nuovo Volvo FH può trasportare fino a 27 tonnellate e camminare alla stessa velocità sia che si trovi su una collina che su un pendio. Gli autocarri oggi sono più comodi in quanto sono dotati di una cabina per riposarsi mentre prima eravamo obbligati a dormire appoggiati al volante," ci dice.

La cabina consente di recuperare energie in particolare durante l'inverno, quando le forti nevicate possono obbligare a una sosta, a volte anche per diversi giorni. Guidando oltre il villaggio di Toufliht, Omar Ait Mbarek racconta di come nel 1998 il traffico è stato interrotto per tutta la settimana a causa della neve.

Non accendo mai la radio quando guido su questa strada. Al contrario, tengo le orecchie concentrate sul motore per sapere cosa sta succedendo dentro il mio camion.

Omar Ait Mbarek, conducente di autocarri

"Non avevamo cibo né coperte. Nessuno ci è venuto da dare soccorso. La nostra unica risorsa era questo bar che aveva un caminetto: il proprietario ha guadagnato un bel po' sulle spalle dei conducenti, vendendoci pane per cinque volte il prezzo normale", dice sorridendo.

Mentre si avvicina alla parte più pericolosa del passaggio montano, l'umore di Omar Ait Mbarek si altera mentre indica un ripetitore per cellulari sul ciglio di una scogliera e inizia a descrivere la più orribile visione che ha incontrato in tutta la sua vita. Era l'inizio di settembre 2012, quando il conducente di un autobus ha perso il controllo del veicolo nel mezzo della notte precipitando in caduta libera per 150 metri. Quarantadue persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite.

 

Omar Ait Mbarek, al volante

Quello che Omar Ait Mbarek teme di più sono i conducenti novellini. "Riesco a individuare un novellino a chilometri di distanza, anche di notte. Sono veri e propri temerari, sfidando ogni rischio.

"Sono passato vicino al sito dell'incidente la mattina. L'autobus era in mille pezzi. Pensare a quell'incidente mi fa ancora molto male e spero di non vedere mai più una cosa simile."

La polizia ha detto che l'incidente si è verificato perché l'autobus aveva caricato più persone rispetto alla sua capacità originaria. È stato l'incidente stradale più grave del Marocco, paese nel quale ogni anno sulla strada muoiono più di 4.000 persone. Lo Stato ha investito pesantemente per sviluppare infrastrutture e imporre regolamenti stradali, ma aree lontane come Tizi n’Tichka ne sono rimaste escluse.

Avere un incidente qui è terribile: se non uccide la caduta, l'arrivo delle ambulanze può richiedere troppo tempo e non vi sono ospedali nel raggio di cento chilometri.

Omar Ait Mbarek, conducente di autocarri

Autocisterna Volvo FH

L'autocisterna Volvo FH di Omar Ait Mbarek trasporta carburante per motori da Marrakesh all'avamposto del deserto di Zagora, a sud di Ouarzazate.

"Avere un incidente qui è terribile: se non uccide la caduta, l'arrivo delle ambulanze può richiedere troppo tempo e non vi sono ospedali nel raggio di cento chilometri," Omar Ait Mbarek aggiunge: “Ciò che conta nella vita è la mia sicurezza e quella delle persone davanti a me, i miei figli, pregare, essere pulito e evitare di far male alle persone. Non ho mai fatto male a nessuno; la mia vita è buona e dormo con la coscienza pulita."

Nato in un villaggio nascosto nelle montagne dell'Atlante, Omar Ait Mbarek non aveva molto da fare se non trasformare un incontro casuale che aveva avuto da ragazzo in un carriera che è diventata la sua vita. Aveva 16 anni, quando un camion che guidava per il suo villaggio ha perso il suo carico di canna. Si affrettò a aiutare il conducente, che rimase così impressionato da offrirgli subito di lavorare come assistente per 15 dirham al mese.

Omar Ait Mbarek

“Ciò che conta nella vita è la mia sicurezza e quella delle persone davanti a me," dice Omar Ait Mbarek.

"Guidare gli autocarri era l'unico lavoro non solo per me ma per tanti nella mia zona. L'unica cosa che portava un po' di vita nei villaggi intorno a noi erano camion e autobus," e aggiunge:

"Guidare mi piace tantissimo. Stare sulla strada, incontrare altri camionisti e scambiarsi informazioni è un po' come una droga. Guidare su queste strade, con la consapevolezza acquisita negli anni relativamente alla sicurezza mia e degli altri, per me è come un'evasione."

Volvo FH sull'autostrada marocchina

Negli ultimi anni, lo Stato marocchino ha investito pesantemente per sviluppare infrastrutture e imporre regolamenti stradali, ma aree lontane come Tizi n’Tichka ne sono rimaste escluse.

Societe Transport Marouane et Freres Ltd

Proprietario: Mr. Mohamed Asli, General Manager.
Numero di dipendenti: 365
Società fondata nel: 1996
Clienti principali: Shell, Total Morocco.
Numero totale di veicoli: 283
Numero di autocarri Volvo nella flotta: 236
Carico principale: prodotti petroliferi 

Contenuti correlati

Sopravvivere su una delle strade più pericolose al mondo

Sono prudenza, capacità ed esperienza ad aver tenuto in vita Juan Manuel Manrique, in 45 anni di guida, su una della strade più pericolose al mondo. Benvenuti a Paso de los Caracoles, Cile....

Terreno sottratto al mare

La maggiore città della Nigeria sta via via cambiando forma. Iniziato come piano per proteggere dall'erosione, il litorale della città di Lagos, Eko Atlantic, è diventato il più grande progetto edilizio d'Africa: un'area in costruzione su terreno ...

Estrazione di sale da un'immensa distesa bianca in Bolivia

La luce è impietosa e l'aria rarefatta. La salina più vasta del mondo mette a dura prova uomini e veicoli. Questo è il luogo in cui l'autista Dario Machaca Colque lavora da più di 30 anni....

Filtro articoli

5 true 5