Il motore D12: un cambio di paradigma

Il lancio del motore D12, nel 1993, fu una vera rivoluzione. Alcuni dissero che Volvo aveva anticipato i tempi di dieci anni. Göran Nyholm, ingegnere Volvo oggi in pensione, ci racconta la storia dall'inizio.
Göran Nyholm davanti al motore D12

Göran Nyholm ha partecipato allo sviluppo del motore D12.

Göran ricorda chiaramente la presentazione alla stampa del Volvo FH. Era il settembre del 1993 e i giornalisti del settore automobilistico di tutto il mondo si erano riuniti per assistere al lancio dei veicoli Volvo di prossima generazione. Tuttavia, un elemento in particolare attirò l'attenzione dei giornalisti, racconta Göran Nyholm, che ha svolto un ruolo importante nello sviluppo del motore, insieme al reparto di Ricerca e sviluppo di Göteborg e allo stabilimento di produzione di Skövde.

”I giornalisti rimasero colpiti dal motore D12. Alcuni di loro mi dissero che eravamo dieci anni avanti a chiunque altro in Europa. Per i meno esperti del settore, eravamo riusciti ad anticipare gli standard sulle emissioni che, all'epoca, non erano ancora nemmeno in fase di elaborazione. Inoltre, avevamo notevolmente migliorato la qualità della testa cilindri e aggiunto la guida elettronica e il freno motore Volvo, sviluppato internamente”, dichiara.

Queste risorse erano ancora sconosciute in Europa, mentre gli Stati Uniti ne avevano già una certa esperienza. Göran Nyholm rivela che, all'inizio del progetto del D12, al momento della pianificazione delle nuove funzionalità alla fine degli anni '80, la mancanza di competenze in Europa creò qualche problema.

”Una delle maggiori difficoltà era stampare nel modo giusto la testa cilindri, che doveva essere più lunga. Immaginate le dimensioni ridotte di ogni angolo o spazio nel cilindro reale. Nonostante i numerosi tentativi, non riuscivamo a ottenere il risultato desiderato”.

Tuttavia, arrendersi non era una delle nostre opzioni. Il team fece quindi le valigie e si recò allo stabilimento di Cummins, un partner Volvo negli Stati Uniti, dove venivano prodotti sia lo sterzo elettronico che il nuovo tipo di testa cilindri.

”Scoprimmo che era tutto fattibile e la collaborazione con gli americani a Cummins si rivelò essenziale per il processo”, dichiara Göran.

La nuova testa cilindri più lunga offriva una qualità superiore in termini di cambio gas e combustione. Insieme allo sterzo elettrico, questa caratteristica ha contribuito al successo immediato del Volvo FH.

”Furono assunti molti nuovi dipendenti per lo stabilimento e, poiché dovevamo gestire nuove funzioni più complesse, cercammo persone esperte in IT”. 

Era la mia, anzi la nostra, creatura. Sono felice che il veicolo e il motore abbiano avuto un grande successo. Nell'industria automobilistica ha rappresentato un vero cambio di paradigma.

Göran Nyholm

Fin dall'inizio, il D12 è stato sviluppato appositamente per i Volvo FH. Alla fine degli anni '90,
il motore è stato introdotto in altre aree all'interno di Volvo, ad esempio Volvo Penta. Con il passare del tempo, il motore D12 ha subito vari cambiamenti, spesso in concomitanza con l'entrata in vigore di nuove normative sulle emissioni. 

”Sì, il motore ora possiede molte più funzioni per soddisfare gli standard. Occorre inoltre tenere presente che gli standard variano a seconda del paese ed è quindi necessario regolarsi di conseguenza”.

L'ingegnere Volvo Göran Nyholm è andato in pensione nove anni fa. Incontrarlo e parlare dei primi anni dell'intero progetto Volvo FH è come trovare una miniera d'oro di informazioni. 

”Era la mia, anzi la nostra, creatura. Sono felice che il veicolo e il motore abbiano avuto un grande successo. Nell'industria automobilistica ha rappresentato un vero cambio di paradigma”, conclude. 

E il viaggio continua ancora senza Göran. Oggi, nello stabilimento di Skövde vengono prodotti ogni anno 100.000 motori, il 90% circa dei quali sono D13. Il viaggio che è iniziato nei primi anni '90 durerà ancora per decenni.

Cronologia delle principali fasi dello sviluppo del motore D12

Related News

La sicurezza riduce i costi

Volvo FH, uno dei camion più sicuri al mondo, è un leader dell'innovazione in termini di funzioni di sicurezza avanzate. In combinazione con una guida attenta, investire in sicurezza può contribuire a ridurre i costi per le aziende di trasporti. Per ...

Le generazioni si incontrano nello stabilimento di produzione del motore Volvo di Skövde

Al momento del lancio del primo Volvo FH, nel 1993, lei non era ancora nata.
Nello stesso anno, lui lavorava alla linea di assemblaggio già da tempo.
Incontriamo Nesma e Daniel, ora colleghi nello stabilimento Volvo di ­Skövde, dove nasce il ...