Batterie: fino a che punto rispettano realmente l'ambiente?

I veicoli elettrici sono più silenziosi, efficienti nei consumi e puliti rispetto agli equivalenti alimentati con carburanti fossili. Questo è innegabile, ma occorre tenere presenti diversi fattori che riguardano le batterie. Considerato il quadro di insieme, in che misura le batterie agli ioni di litio sono ecocompatibili? Lars Mårtensson, Director Environment and Innovation di Volvo Trucks, ne spiega i vantaggi e gli svantaggi.
Lars Mårtensson, Volvo Trucks

Lars Mårtensson, Director Environment and Innovation presso Volvo Trucks.

Un componente importante delle batterie agli ioni di litio è il cobalto, che proviene soprattutto dal Congo. Amnesty International ha segnalato in questo paese violazioni dei diritti umani e l'impiego di manodopera infantile. Cosa intendete fare per garantire che le materie prime per le batterie utilizzate vengano estratte in modo responsabile?

“Naturalmente, non approviamo l'uso di nessun materiale estratto o prodotto secondo modalità inaccettabili, come esplicitamente dichiarato nel nostro codice di condotta. Collaboriamo con diversi fornitori per tracciare l'origine delle nostre materie prime. Per gestire questo sviluppo, il Gruppo Volvo, insieme a molti altri costruttori del settore automobilistico, ha creato un'organizzazione chiamata Drive Sustainability, il cui scopo è esaminare e migliorare le condizioni di lavoro e l'impatto ambientale lungo tutta la catena di fornitura delle materie prima. I problemi da risolvere sono ancora numerosi, ma le iniziative intraprese finora rappresentano passi importanti”. 

In che modo le batterie influiscono sul clima? Esiste il rischio che l'elevato consumo energetico nelle fasi di produzione riduca i vantaggi che la propulsione elettrica offre all'ambiente durante l'uso del veicolo?

“La produzione delle batterie implica innegabilmente un elevato consumo di energia, ma se si considera l'intero ciclo di vita, non c'è dubbio che l'impiego di veicoli pesanti commerciali elettrici assicuri notevoli vantaggi dal punto di vista sia energetico che del clima. Questo soprattutto perché i motori elettrici utilizzano l'energia in modo decisamente più efficiente rispetto a quelli a combustione. Di conseguenza, maggiore è il numero di chilometri che il veicolo percorrerà durante il proprio ciclo di vita, più importante sarà la differenza che potrà fare”. 

Ha senso l'uso dell'alimentazione elettrica se l'energia utilizzata per produrre e caricare le batterie proviene da fonti di energia non rinnovabili, ad esempio il carbone?

“Ovviamente, l'ideale sarebbe utilizzare energie rinnovabili in tutte le fasi. Se l'elettricità si ottiene con carburanti fossili, i benefici per il clima si riducono. In ogni caso, grazie al rendimento elevato dei motori elettrici, scegliere l'elettricità anziché il diesel fossile presenta comunque dei vantaggi. Tuttavia, se confrontiamo un camion alimentato, ad esempio, a biogas con uno elettrico che ricava energia da centrali alimentate a carbone, il risultato non è altrettanto chiaro”.

Come vengono smaltite le batterie giunte al termine del loro ciclo di vita? Possono essere riciclate in modo ottimale o possono trasformarsi in un nuovo problema per l'ambiente?

“Naturalmente prendiamo molto sul serio le nostre responsabilità come costruttori. Al momento, stiamo partecipando a diversi progetti il cui scopo è scoprire come garantire una seconda vita alle batterie dei veicoli pesanti commerciali elettrici, ad esempio riutilizzandole per accumulare energia solare. Inoltre, quando le batterie installate nei nostri veicoli giungono alla fine del proprio ciclo di vita, ci accertiamo che vengano smaltite in modo adeguato”. 

Articoli correlati