Volvo Trucks

ITALY

×

In prima linea nella connettività dei trasporti

| 6 minuti di lettura | 6 minuti di lettura
I progressi compiuti nella connettività stanno aprendo una nuova gamma di soluzioni per il traffico intelligente, che contribuiranno a migliorare la sicurezza stradale e i flussi di traffico e a ridurre le emissioni di anidride carbonica. Al Connected Solutions Innovation Lab, in California, Volvo Trucks collabora con i partner del settore per sviluppare nuove possibilità e tenersi il passo con le ultime tendenze nell'area della connettività.
Un'autostrada trafficata di notte vista dalla cabina di un camion

Un camion Volvo è collegato a satelliti e ripetitori di telefoni cellulari per facilitare la navigazione con GPS o connetterlo ai servizi di gestione della flotta. Tuttavia, gli esperti del Gruppo Volvo specializzati in veicoli connessi ritengono che la nuova generazione di tecnologie per mezzi pesanti agirà a livello più locale. Questo potrebbe sbloccare il potenziale delle tecnologie dei veicoli connessi e risolvere problemi fondamentali, come rendere i trasporti più produttivi e migliorare la qualità della vita delle comunità interessate dal traffico di veicoli pesanti.

Il veicolo e l’autista otterranno informazioni in tempo reale e potranno pianificare e reagire ai cambiamenti mentre si verificano. Queste tecnologie possono migliorare il flusso del traffico e aumentare i livelli di sicurezza ed efficienza.

Stanno infatti lavorando a una serie di tecnologie che permetteranno ai camion di comunicare quasi istantaneamente con altri veicoli e con le infrastrutture circostanti. Tali tecnologie includono sia onde radio a medio raggio con una portata fino a 500 metri, sia reti 5G ad alta velocità, che consentono ai veicoli di connettersi al mondo che li circonda con una velocità fino a 20 volte superiore rispetto alle attuali reti 4G.

“Il veicolo e l’autista otterranno informazioni in tempo reale e potranno pianificare e reagire ai cambiamenti mentre si verificano. Queste tecnologie possono migliorare il flusso del traffico e aumentare i livelli di sicurezza ed efficienza”, afferma Jenny Elfsberg, che gestisce il Volvo Group Connected Solutions Innovation Lab in California, con il compito di stabilire partnership per collaborare alle tecnologie emergenti, tra cui la connettività.

Come molti altri luoghi al mondo, la California ha bisogno di rendere il traffico più fluido. L’economia è in forte espansione e la popolazione in crescita. La miriade di servizi di consegna e di car sharing, sostenuti dalle innovazioni nel settore tecnologico, hanno ulteriormente aumentato il numero di veicoli su strade e autostrade. In molte città e nei punti di snodo la congestione è decisamente peggiorata, causando ritardi lunghi e costosi sia per i pendolari che per le aziende di trasporto merci. Fortunatamente, la California può contare su notevoli vantaggi: una radicata cultura dell’innovazione e dell’imprenditorialità, obiettivi climatici ambiziosi e agenzie governative lungimiranti.

In che modo la connettività aiuterà la California a migliorare il traffico? I test condotti nella città di Carson, a sud di Los Angeles, potrebbero indicare la strada da seguire. Nell’ambito di un progetto di R&D finanziato da un’agenzia statale, insieme ad altri partner del settore privato e pubblico, Volvo Trucks ha presentato un concetto chiamato Eco-Drive, che connette i veicoli ai semafori intelligenti lungo i cosiddetti corridoi merci.

Vista aerea futuristica della città

I camion ricevono dai semafori vicini, via wireless e in tempo reale, i dati relativi a fasi e tempi dei segnali stradali (SPaT). Ogni veicolo combina quindi i dati SPaT con le coordinate GPS, la velocità e la posizione del semaforo, per generare un profilo di velocità di guida in tempo reale. L’autista può così evitare brusche frenate o accelerazioni mentre si avvicina al semaforo.

L’obiettivo finale è ridurre soste forzate e ingorghi e migliorare la salute e la qualità della vita nelle comunità lungo i corridoi merci. I concetti Eco-Drive sono in fase di valutazione sulle strade degli affollati porti di San Pedro Bay, nel sud della California. Il 70% delle importazioni e delle esportazioni degli Stati Uniti avviene attraverso i porti della California. Rendere più fluido ed efficiente il traffico lungo questi itinerari può garantire notevoli vantaggi per l’entrata e l’uscita di merci dagli Stati Uniti.

In questo momento siamo in una fase esplorativa, le agenzie governative e i clienti hanno un ruolo importante da svolgere. Lavorando insieme troveremo le strade migliori da percorrere per far avanzare il settore.

“Eco-Drive dimostra che questa tecnologia è applicabile, ma siamo solo all’inizio”, dichiara Jenny Elfsberg. In futuro queste tecnologie potranno portare a innumerevoli miglioramenti dell’efficienza, per esempio con la creazione di corridoi verdi con priorità ad autobus e veicoli che trasportano merci pericolose o in ritardo. I sensori integrati nelle infrastrutture potrebbero anche fornire informazioni sul traffico ai gestori delle flotte, per ottimizzare la pianificazione delle rotte. 

“Oggi i dati in entrata e in uscita devono passare attraverso il cloud, quindi gli autisti ricevono in ritardo le informazioni dall’ambiente circostante. In futuro saranno ottimizzate, inviate quasi istantaneamente e più interattive”, afferma Jenny Elfsberg. 

Le informazioni in tempo reale possono rendere più dinamica la pianificazione del traffico e affrontare i problemi di congestione contro cui tutte le città combattono. Una maggiore connettività migliorerà anche il livello di sicurezza delle soluzioni a guida autonoma che saranno gradualmente introdotte nella società.

Dal suo ufficio di Volvo Group North America situato a Costa Mesa, a sud di Los Angeles, il dott. Aravind Kailas, Research and Innovation Manager Volvo Group North America ed esperto in connettività, lavora allo sviluppo di politiche pubbliche. 

Illustrazione di paesaggio urbano futuristico

“Il miglioramento della connettività è reso possibile soprattutto dal calo dei costi e dei consumi energetici dell’elettronica. Possiamo dotare sia i veicoli che le infrastrutture di un maggior numero di sensori”, afferma e aggiunge: “Siamo impazienti di assistere alla diffusione della connettività tra veicoli e tra veicoli e infrastrutture, di connessioni più veloci e più opzioni di connettività, perché tutto questo consentirà di risolvere numerosi problemi”. 

Il dott. Aravind Kailas ritiene inoltre che le partnership con i clienti e le autorità cittadine si riveleranno fondamentali per il futuro.

“La California può contare su un gran numero di innovatori tecnologici e politici creativi: il giusto mix per sviluppare e implementare soluzioni di trasporto all’avanguardia. Siamo ancora in una fase esplorativa, quindi le attività delle agenzie governative e dei clienti saranno fondamentali per garantire la commercializzazione di queste nuove tecnologie. Lavorando insieme, possiamo trovare la strada giusta da seguire”. 

Connettività - Dati
Nel settore dei trasporti, si assisterà a una connettività sempre più immediata tra i camion e il mondo che li circonda, con un conseguente e significativo miglioramento dell’operatività.

La diffusione della connettività è guidata dallo sviluppo delle tecnologie presenti sui veicoli e nelle infrastrutture, nonché dalla disponibilità di un hardware economico.

Una maggiore connettività in tempo reale può aiutare a risolvere problemi legati al traffico, come sicurezza, congestione e impatto ambientale. Rende infatti possibile l’introduzione graduale di altre tecnologie di trasporto avanzate, tra cui soluzioni di automazione ed elettromobilità.

Grazie ad agenzie governative e imprenditori lungimiranti, lo Stato della California si sta distinguendo come base per la promozione di innovative soluzioni di connettività che rivoluzioneranno le modalità di trasporto di merci e passeggeri. 

Il concetto di Eco-Drive
Eco-Drive riceve via wireless informazioni e dati in tempo reale su segnali stradali e tempistiche. Fornisce agli autisti un feedback audio e visivo, per regolare e ottimizzare i profili di velocità. Eco-Drive ha il potenziale per regolare il flusso del traffico, ridurre il rumore e aumentare la capacità della strada.

Il futuro della connettività
Diverse tecnologie Come il cellulare utilizza il 3G per le chiamate, il Bluetooth per connettersi agli auricolari e il Wi-Fi per connettersi alla rete internet locale, i veicoli e le infrastrutture connessi disporranno di una serie di tecnologie di comunicazione a corto e lungo raggio. Non esiste una soluzione unica in grado di risolvere tutti i problemi legati ai trasporti.

Comunicazioni dedicate a corto raggio Comunicazioni in tempo reale a corto raggio (circa 300 m) non basate sull’infrastruttura di telecomunicazione, come i ripetitori di segnale per la telefonia mobile.

5G La quinta generazione di reti cellulari digitali. La rete sarà considerevolmente più veloce rispetto a quella attuale (fino a 20 volte più veloce di 4G LTE) e, secondo le previsioni, disporrà di funzionalità automatizzate e incentrate sull’IoT (Internet of Things), tra cui macchine autonome e connesse.