Come proteggere ciclisti e pedoni nel traffico cittadino

Le vittime di incidenti stradali provocate da mezzi pesanti stanno diminuendo. Tuttavia, le ricerche di Volvo Trucks dimostrano che non si riscontra la stessa riduzione negli incidenti che coinvolgono ciclisti e pedoni. È necessario agire per ridurre questi incidenti. Le nuove tecnologie, combinate con una legislazione sempre aggiornata, una migliore infrastruttura, una maggiore attenzione al tema della sicurezza e una migliore visibilità, possono rendere più sicuro il traffico cittadino.

È necessario agire per ridurre questi incidenti.

In tutto il mondo, le città crescono al ritmo di tre milioni di persone che si spostano nelle aree urbane ogni settimana.

"Le città riuniscono le persone, ma con così tante persone e veicoli che condividono lo stesso spazio, pedoni e ciclisti subiscono un gran numero di gravi incidenti stradali, spesso anche mortali. Questo problema deve essere affrontato su un ampio fronte, attraverso la tecnologia e la cooperazione" afferma Carl Johan Almqvist, Traffic & Product Safety Director di Volvo Trucks.

Volvo Trucks ha fatto della sicurezza uno dei suoi valori fondamentali durante i suoi 90 anni di storia, con un approccio su più fronti. L'impegno di Volvo Trucks si estende dalla ricerca sulla sicurezza stradale, allo sviluppo di tecnologie per i veicoli (come il mantenimento della corsia di marcia e l'avvertimento di collisione frontale con freno di emergenza), alla formazione dei conducenti e alla progettazione di veicoli più sicuri.

Un'altra parte importante sono i programmi di sensibilizzazione sulla sicurezza del traffico come "Stop Look Wave" e "See and be seen", rivolti a bambini e ciclisti.

"Dato che autisti, ciclisti e pedoni condividono le strade, è fondamentale per loro capire i reciproci bisogni e limiti. Come produttori di veicoli possiamo fare molto per assicurarci che nessuno rimanga ferito con i veicoli Volvo Trucks e aumentare la consapevolezza dei rischi della strada. La nostra mission è zero incidenti con veicoli Volvo Trucks", afferma Carl Johan Almqvist.

Ora molte città scelgono di affrontare la sfida su un fronte più ampio. Decine di grandi città in tutto il mondo hanno adottato un approccio di "vision zero" per gli incidenti stradali. A Londra, ad esempio, l'ente per i trasporti della città, Transport for London, mira a non avere feriti gravi e incidenti mortali sulle sue strade, con l'80% dei viaggi dei londinesi effettuati a piedi, in bicicletta o utilizzando i trasporti pubblici entro il 2041.

Per raggiungere il suo obiettivo, Londra sta implementando numerose misure per migliorare la sicurezza stradale, dalla riduzione dei limiti di velocità a una migliore applicazione delle norme della strada, oltre a ridisegnare le strade e gli snodi più pericolosi della città.

 Transport for London ha posto la riduzione dei pericoli della strada al centro del suo processo decisionale e sta lavorando a stretto contatto con i gruppi di utenti vulnerabili della strada e con i produttori di veicoli, tra cui Volvo Trucks, per trovare soluzioni.

"Abbiamo bisogno che le società di autotrasporto migliorino la sicurezza della loro flotta", afferma Will Norman, Commissario per i pedoni e i ciclisti di Transport for London.

Un'importante iniziativa in corso riguarda lo sviluppo del primo Direct Vision Standard (DVS) al mondo per veicoli commerciali pesanti nella città. Secondo la bozza, tutti i veicoli che pesano oltre 12 tonnellate dovranno dimostrare un'ampia visuale diretta dalla cabina o misure di sicurezza equivalenti per operare a Londra dal 2020.

"La visuale diretta dalla cabina di un mezzo pesante ha un impatto sostanziale sulla riduzione del pericolo per pedoni e ciclisti, poiché i punti ciechi sono un fattore chiave nelle collisioni", afferma Will Norman.

Garantire una visuale eccellente dal veicolo è una parte importante della filosofia di sicurezza di Volvo Trucks, soprattutto quando si progettano veicoli per ambienti urbani. Nella cabina Volvo FE, per esempio, con ingresso ribassato, il telaio è molto basso e si possono avere finestrini allargati che coprono gran parte delle porte. I finestrini extra offrono al guidatore una visibilità diretta sul lato del veicolo.

"È il veicolo più adatto per massimizzare la visuale diretta perché, come conducente, sei quasi all'altezza dei ciclisti e dei pedoni sulla strada", afferma Claes Avedal, Safety Manager di Volvo Trucks.

I veicoli che operano nelle città diventeranno più sicuri grazie a una tecnologia che rileva gli utenti vulnerabili della strada attorno al veicolo. Nel progetto Xcycle, finanziato dall'UE, Volvo Trucks collabora con aziende tecnologiche e istituti di ricerca. Tra le tecnologie in via di sviluppo si trova anche un sistema di rilevamento dei ciclisti.

"Quasi il 40% degli incidenti tra mezzi pesanti e ciclisti avviene sul lato passeggero del veicolo. È l'area più critica in una svolta a destra. Nel progetto Xcycle vogliamo scoprire come possiamo ridurre questo tipo di incidente combinando i sistemi di rilevamento dei veicoli e il sistema di traffico intelligente della città, utilizzando il wifi. Sia il conducente che il ciclista riceveranno un avvertimento per una situazione di pericolo imminente", afferma il responsabile del progetto Xcycle, Jerome Vigneron di Volvo Trucks.

I risultati del progetto saranno presentati a novembre 2018.

"Questo progetto è per noi un'opportunità perfetta per contribuire al nostro obiettivo incidenti zero", afferma Jerome Vigneron.

In futuro sono previsti ulteriori requisiti di sicurezza. Entro il 2023 la Commissione Europea è pronta per implementare gli standard tecnologici per il rilevamento di utenti vulnerabili della strada e gli standard di visibilità per i veicoli pesanti.

"È molto positivo vedere che sta aumentando l'attenzione per la sicurezza stradale. Siamo tutti sulla stessa barca - tutti gli utenti della strada devono essere coinvolti per migliorare la sicurezza stradale nelle nostre città", afferma Carl Johan Almqvist.

Terminologia:

Con il termine utente vulnerabile della strada si identifica un gruppo di utenti della strada con un alto tasso di infortuni o incidenti, principalmente pedoni, ciclisti e motociclisti.

Informazioni: 4 modi per proteggere gli utenti vulnerabili della strada nelle città

1. Migliorare il disegno delle strade

Ridurre la velocità del veicolo e separare i veicoli a motore e gli utenti vulnerabili della strada attraverso marciapiedi rialzati e piste ciclabili protette può fare una grande differenza. Quando si progettano le intersezioni, può aiutare prestare particolare attenzione alla riduzione dei conflitti negli incroci tra ciclisti e veicoli in movimento.

2. Consapevolezza della sicurezza stradale

Aumentare la consapevolezza del rischio tra gli utenti della strada e migliorare la formazione sui conducenti. I programmi di sensibilizzazione alla sicurezza stradale di Volvo Trucks "Stop Look Wave" e "See and Be Seen", in uso in oltre 20 paesi, sono pensati per prevenire gli incidenti.

In Italia, il programma Stop Look Wave è stato strutturato così da consentire al maggior numero di studenti di partecipare. Tra ottobre 2017 e aprile 2018, su iniziativa degli istituti o dei comitati genitori, le scuole hanno avuto la possibilità di aderire a un concorso e rappresentare in un cartello stradale la propria idea del messaggio della campagna: ovvero fermarsi, guardare da entrambe le direzioni, salutare per farsi vedere dai conducenti dei veicoli.

Una giuria ha analizzato i progetti pervenuti e decretato i sei vincitori: in base alla posizione in classifica,  scuole e comitati genitori hanno ricevuto in premio un assegno da 3000 a 2000 euro, da spendere in materiale didattico.

In contemporanea, in alcune città italiane, gli studenti hanno potuto affiancare alla teoria la pratica. Saliti su un camion Volvo, hanno preso atto della dimensione di un mezzo pesante, dei punti critici nella sua visuale e di quelli che permettono di essere visti.

Un modo divertente, coinvolgente e a misura di bambino che si rivolge agli utenti più vulnerabili della strada, rendendoli più consapevoli rispetto ai suoi pericoli.

3. Nuove tecnologie

La tecnologia per rilevare gli utenti vulnerabili della strada è già in fase di sviluppo per scenari specifici, ad esempio un veicolo prossimo a incrociare la traiettoria di un ciclista. Nel frattempo, i veicoli equipaggiati con protezioni laterali, in caso di incidente, possono ridurre al minimo le lesioni per gli utenti vulnerabili della strada.

4. Più visibilità

Una migliore visuale diretta e indiretta nei veicoli attraverso finestrini, specchi e telecamere, e l'utilizzo di veicoli con telaio basso, possono fare la differenza per la sicurezza nelle città. Le aziende di logistica possono contribuire alla sicurezza scegliendo il veicolo giusto per il giusto incarico, per evitare troppi veicoli e sovradimensionati nei centri urbani.