Volvo Trucks

ITALY

×

In che modo il settore degli autotrasporti può far fronte alla carenza di autisti?

4 minuti 4 minuti
La mancanza di camionisti qualificati sta già ostacolando la crescita economica e, se non viene risolta, potrebbe diventare un problema sociale molto più grande. Per risolvere la crisi, dobbiamo capire perché sempre meno persone scelgono questa professione.

Tutti i dati e le ricerche evidenziano una carenza di autisti di camion, che attraversa tutte le economie industrializzate e continua a peggiorare. In Germania vi è già una carenza stimata di circa 45.000 autisti, si prevede che due terzi degli autisti attuali andranno in pensione entro i prossimi 10-15 anni. Nel Regno Unito mancano circa 50.000 autisti e si prevede che altri 35.000 andranno in pensione nei prossimi due anni. Negli Stati Uniti, nel 2018 la carenza di autisti è passata da 10.000 a 60.000 in un solo anno e si prevede che raddoppi nel prossimo decennio. Allo stesso tempo, la domanda globale di merci potrebbe triplicare entro il 2050.

Le aziende di autotrasporti subiscono il colpo della carenza di autisti

La carenza di autisti qualificati sta già avendo un enorme impatto sul settore e sulle società di trasporto. Nei cinque mercati più grandi d'Europa (Francia, Germania, Regno Unito, Polonia e Spagna), il 75% delle aziende di trasporto afferma ora di avere una carenza di autisti. In Germania, dove la carenza è più acuta, è arrivata al 94%.

Fonte: Purchase Barometer

Sappiamo inoltre che tutto ciò sta influenzando il numero di aziende che gestiscono le loro flotte. Alcuni si stanno ridimensionando e rifiutando lavoro perché semplicemente non dispongono degli autisti per rispondere alla domanda. Per esempio, circa il 20% dei camion in Germania è fermo a causa della mancanza di autisti.

Gli aumenti di stipendio rappresentano solo un rimedio parziale

Allora qual è la soluzione? La risposta ovvia è aumentare gli stipendi e, in effetti, alcune società di trasporti lo stanno facendo. Ad esempio, alcuni collegano gli stipendi al consumo di carburante e premiano i conducenti efficienti con dei bonus. Ma a lungo termine ciò non è sostenibile. Crea solamente un nuovo standard minimo e, quando tutti rispondono a tale standard, il ciclo si ripete.
 

Le difficoltà della vita sulla strada

Inoltre, ciò non risolve quello che credo sia il motivo fondamentale per cui sempre meno persone vogliono fare gli autisti di camion. Non si tratta solo di retribuzione, ma anche di qualità, tempo fuori casa e condizioni spesso difficili associate alla vita sulla strada.
 

Il problema dell'immagine

La professione ha anche un problema di immagine, infatti la guida di un camion è ancora considerata un lavoro poco qualificato, che comporta il sollevamento di grandi pesi. Viene inoltre percepito come un settore molto maschile, il che senza dubbio scoraggia molte donne che accedono alla professione. Il problema è che troppo poche persone conoscono abbastanza bene il lavoro quotidiano di un autista. I progressi tecnologici fanno sì che il lavoro di oggi richieda più cervello e meno muscoli. È tutt'altro che noioso; richiede un'ampia gamma di competenze e consente molta più libertà personale rispetto a molte altre occupazioni.
 

Fare l'autista non è più un lavoro poco qualificato

È un lavoro che richiede sempre di più una formazione e competenze maggiori e migliori. Nelle generazioni precedenti, almeno in molti paesi europei, alcune persone hanno imparato a guidare camion e autobus durante il servizio militare obbligatorio, il che ha automaticamente creato una fonte di potenziali autisti per l'industria dei trasporti. Oggi, non solo il servizio militare obbligatorio è terminato nella maggior parte dei paesi, ma i requisiti di formazione e istruzione sono molto più elevati. Per diventare un camionista certificato nell'UE oggi sono necessarie 280 ore di formazione, più altre 40 ore ogni cinque anni per rinnovare il certificato. Chiaramente, fare l'autista non è quel lavoro poco qualificato che spesso si pensa che sia e questo messaggio deve essere trasmesso con maggior forza.  
 

I camionisti sono la spina dorsale della nostra economia

Viviamo in una società estremamente dipendente dai camionisti. Se dovessimo affrontare una grave carenza o uno sciopero di massa, finiremmo molto rapidamente i beni di prima necessità, come cibo e carburante. Ogni volta che i netturbini scioperano, che sia a New York, Roma, Birmingham o Parigi, si creano enormi problemi sanitari in pochi giorni. Per me i conducenti sono eroi di tutti i giorni e oggi sottovalutiamo molto il ruolo centrale che svolgono nel far funzionare la nostra economia.

Sfortunatamente non esiste una soluzione semplice alla carenza di autisti, ma in qualità di operatore di trasporti ci sono alcune soluzioni che potrebbero aiutare il settore ad assumere e trattenere un maggior numero di autisti di camion. Ho preparato una guida che delinea alcuni passaggi pratici che puoi implementare a medio e breve termine.
 

Learn more about how to retain truck drivers

Gunnar Ekwall

Gunnar is a Project Director at Volvo Trucks Europe.

Articoli correlati