Trucks

×

5 modi per ridurre il rischio di incidenti che coinvolgono autocarri e utenti della strada vulnerabili

| 4 min. | 4 min.
Ogni anno, nel mondo muoiono circa 1,35 milioni di utenti della strada. Più della metà sono utenti della strada vulnerabili (pedoni, ciclisti, conducenti di ciclomotori e motocicli). Quando questo tipo di incidente coinvolge un autocarro pesante, è probabile che abbia conseguenze molto gravi. Sebbene le ragioni di questi incidenti siano complesse e varie, le azioni dell'autista dell'autocarro nel traffico possono aiutare a salvare vite umane.
Ciclisti, pedoni e conducenti di ciclomotori in attesa del semaforo verde all'incrocio in una grande città

Quasi un terzo* delle vittime di incidenti con autocarri pesanti nell'UE sono pedoni, ciclisti e conducenti di ciclomotori e motocicli. Gli incidenti stradali che coinvolgono utenti della strada vulnerabili (VRU) e autocarri pesanti sono un argomento emotivo e impegnativo da affrontare.


"Comprendendo come e perché si verificano questi tipi specifici di incidenti stradali è possibile identificare i miglioramenti della sicurezza stradale e ridurre gli infortuni", afferma Anna Theander, leader del Volvo Trucks Accident Research Team.


La ricerca sulla sicurezza Volvo dimostra che per ridurre il numero di incidenti, i miglioramenti nei sistemi di sicurezza attiva per autocarri, infrastrutture stradali migliori e una maggiore consapevolezza del rischio tra i VRU sono alcuni degli elementi più critici.


Il fattore umano, applicabile a tutti gli utenti della strada, è un elemento importante da considerare. Il modo in cui un autista anticipa e reagisce alle situazioni che coinvolgono i VRU, soprattutto nelle aree urbane trafficate, può avere un grande effetto sul rischio di questo tipo di incidente.


"A tutt'oggi, l'autista è ancora il sistema di sicurezza numero uno nell'autocarro. Un autista ben addestrato e attento, che comprende i rischi, fa la differenza", afferma Anna Wrige Berling, Traffic and Product Safety Director, Volvo Trucks.


Ecco alcuni modi pratici in cui gli autisti possono aiutare a ridurre il rischio di questo tipo di incidente:   

 

5 consigli su come ridurre il rischio di collisioni con pedoni, ciclisti e conducenti di ciclomotori:

1. Presumi sempre che i VRU non siano a conoscenza degli angoli ciechi dell'autocarro

La ricerca sulla sicurezza degli autocarri legata ai VRU ha dimostrato che pedoni, ciclisti e conducenti di motocicli semplicemente non si rendono conto delle difficoltà che gli autisti devono affrontare quando cercano di percepire tutto ciò che circonda l'autocarro nelle città trafficate. Inoltre, la maggior parte dei VRU non sa come si comporta un autocarro con rimorchio lungo quando svolta in un ambiente di traffico. Per questi motivi, non dare mai per scontato che i VRU evitino le aree di rischio e punti ciechi.


2. Sii consapevole delle situazioni di incidente comuni che coinvolgono i VRU

È importante essere preparati a comportamenti imprevedibili e pericolosi dei VRU. Vi sono tre situazioni che spiccano e sono più comuni nelle aree urbane:

  • Autocarri che svoltano a destra nel traffico con guida a destra e a sinistra nel traffico con guida a sinistra ed entrano in collisione con i VRU, in particolare i ciclisti.
  • Collisioni frontali con pedoni che attraversano la strada.
  • Collisioni con pedoni durante la retromarcia.


3. Anticipa la strada davanti a te

Pensa a come ti avvicini agli incroci e decidi come effettuare la svolta nel modo più sicuro possibile. Resta vigile e muoviti fisicamente per guardare e vedere meglio. Adatta la velocità nelle aree urbane trafficate: è improbabile che influisca sui tempi di consegna.


4. Preparati per un guida più sicura in città

Prenditi tempo per regolare il sedile e gli specchietti. Assicurati che specchietti e finestrini siano puliti, non ostruire la visuale con monitor e oggetti personali. Controlla che tutti i sistemi di sicurezza dell'autocarro, comprese le telecamere, funzionino e siano accesi prima di iniziare la guida.


5. Ricorda: sei il sistema di sicurezza numero uno

I sistemi di sicurezza e le telecamere del tuo autocarro sono una preziosa forma di supporto per l'autista. Ma un autista che valuta attivamente le condizioni e i pericoli stradali rimane il sistema di sicurezza più importante dell'autocarro.


Cosa viene fatto per ridurre il rischio di incidenti che coinvolgono autocarri e utenti della strada vulnerabili?

Nel prossimo futuro arriveranno grandi cambiamenti. Le Norme generali di sicurezza aggiornate dell'UE prevederanno altri sistemi di sicurezza attiva obbligatori su tutti gli autocarri nuovi da luglio 2024. I sistemi riguarderanno gli angoli ciechi dell'autocarro nella parte anteriore, laterale e posteriore e avviseranno il conducente quando un VRU entra in un'area di rischio. Da gennaio 2029, i costruttori di autocarri dovranno inoltre fornire una migliore visione diretta agli autisti.


Inoltre, è in fase di revisione la normativa sui sistemi di frenata di emergenza avanzati, per includere anche la frenata automatica quando i pedoni attraversano la strada ed entrano nell'area di rischio. Sono inoltre in corso iniziative più ampie, come miglioramenti delle infrastrutture stradali, collaborazioni industriali e ricerche più approfondite sulla sicurezza del traffico che tengono conto delle complesse cause degli incidenti con VRU.


"Nel complesso, le prospettive sono positive e, con l'aiuto di autisti attenti alla sicurezza, insieme ridurremo le vittime e gli infortuni gravi causati da questo tipo di incidente", afferma Anna Wrige Berling, Traffic and Product Safety Director, Volvo Trucks. 


* Osservatorio europeo sulla sicurezza stradale, fatti e cifre: Autobus/pullman/autocarri pesanti - 2020

Anna Wrige Berling

Traffic and Product Safety Director presso Volvo Trucks

Anna Theander

Leader del Volvo Trucks Accident Research Team

Articoli correlati