Trucks

×

Autospurgo: Origini del Termine e Funzionalità

Un camion con autospurgo è un veicolo indispensabile per risolvere situazioni che vanno dall’intasamento della rete fognaria alla risalita dei cattivi odori dagli scarichi di un’abitazione, ma anche per effettuare semplici operazioni di ordinaria manutenzione delle condutture. L’etimologia del termine illustra in modo diretto la funzione essenziale del mezzo, rimandando al verbo latino expurgare che indica l’azione di liberare un qualcosa da impurità o scorie di vario genere. Chi possiede a casa la fossa settica o la fossa Imhoff sa bene che di tanto in tanto è necessario svolgere una corretta pulizia per l’eliminazione degli scarichi raccolti. Il viaggio nel lessico di Volvo Trucks prosegue con un approfondimento dedicato a questi veicoli capaci di offrire un servizio importante per risolvere problematiche di smaltimento delle acque sporche.

Camion Spurghi: come sono fatti?

I camion spurgo sono autocarri dotati nella parte posteriore di un'attrezzatura specifica formata da una pompa per l’aspirazione dei liquami e da una cisterna a tenuta stagna dove vengono depositati. In molti casi si parla di camion spurghi combinati perché integrano anche un serbatoio collegato a una pompa in grado di disostruire i condotti fognari con un getto a pressione di acqua pulita. Tuttavia i camion per autospurgo possono essere utili anche per altre funzioni: non solo vengono impiegati per rimuovere ostruzioni in una conduttura intasata, ma possono aspirare anche l’acqua e il fango da un locale allagato.

Come funziona il camion dello spurgo?

Il funzionamento dell'autospurgo è simile a quello dell’aspirapolvere. Nei primi minuti di attivazione la pompa crea il vuoto all’interno della cisterna con una forza di pressione inversa che, con l’apertura di un bocchettone, attiva il meccanismo di aspirazione di qualsiasi materiale ostruente. Di solito le pompe raggiungono una distanza che si estende dai 40 ai 100 metri grazie all’aggiunta di apposite giunte. I materiali aspirati sono convogliati dentro la cisterna montata sul veicolo, e successivamente trasportati in sicurezza negli appositi impianti di depurazione. Nel caso di un autospurgo combinato vengono coinvolte anche le pompe ad acqua con una pressione che raggiunge i 120/150 bar, una forza abbastanza potente da svolgere una efficace disostruzione delle tubature interessate. Queste pompe dispongono di un ugello che può essere a testa rotante, fissa, o a trivella, in grado di portare via ogni tipo di residuo e incrostazione senza danneggiare la parte strutturale.

Curiosità

Permessi per svolgere l’attività

I camion spurgo svolgono un’operazione delicata perché un condotto bloccato può portare gravi conseguenze in ambienti domestici, commerciali e industriali. Alle fasi di lavorazione devono seguire le fasi di depurazione e smaltimento dei rifiuti: per questo motivo gli interventi non possono essere improvvisati ma devono essere portati a termine da professionisti del settore che detengono degli appositi permessi per lo svolgimento di queste attività. Per operare in questo settore, infatti, è richiesta non solo l’iscrizione all’Albo dei Trasportatori ed alla Motorizzazione, ma anche la licenza per trasportare i rifiuti dalla sede del cliente al centro di smaltimento.

Latest Press Release

Latest Press Release